Se siete alla ricerca di una scuola di danza  seria e professionale o semplicemente di un luogo dove crescere a contatto con la danza divertendosi, il Milano City Ballet è il posto giusto.

 

Il nostro obiettivo è quello di stimolare le abilità e le propensioni di ogni singolo allievo, indirizzandolo a un’istruzione di qualità, non dimenticando il piacere dell’aggregazione e della cooperazione. Trasferiamo il nostro amore personale per la danza nello studio di tutti i giorni, che è ispirazione per tutti gli allievi e per i loro genitori.

 

Noi crediamo che esista uno scopo più grande oltre a insegnare ai nostri allievi la bellezza e la forza insita nella danza come forma d’arte: è la gioia che proviene dalla scoperta del proprio corpo e delle sue capacità. Mentre l’allievo è impegnato in questo sforzo artistico, ne trae altri benefici: un maggiore senso di autostima, creatività, una migliore idoneità fisica e un maggior senso di collaborazione con i propri compagni.

 

Concedetevi una visita alla nostra scuola per valutare il nostro programma e i nostri corsi. I programmi della scuola hanno l’obiettivo di fornire una solida base dei fondamentali della danza e al tempo stesso stimolare l’amore verso la danza. I nostri piccoli ballerini iniziano con il movimento creativo e la danza propedeutica. Una volta arrivati all’età scolare, i futuri ballerini potranno esplorare la danza classica, la danza modern e contemporanea, jazz, hip hop e break dance.

Danza e Gioco - a partire dai 3 anni

Il bambino sviluppa abilità motorie ed espressive attraverso giochi divertenti, di esplorazione e di apprendimento vario. Gli esercizi e le danze intrattengono i bambini mentre generano anche la sensibilizzazione del proprio corpo nello spazio. Accompagnato da diversi stili musicali, educa al movimento e alla danza attraverso l'osservazione e l'esecuzione. Il corso si impegna anche di stimolare il potenziale sociale e fisico del bambino.

Danza Classica

La danza classica è un'arte che richiede forza, resistenza, eleganza e grazia, tutto in una volta. Può essere difficile da gestire e richiede molta pazienza e pratica per imparare. Se la danza classica è la vostra passione e siete disposti a impegnarvi con molte ore di pratica, allora può essere che siate disposti a puntare a questa carriera. La danza classica può essere studiata a qualsiasi età. Chi studia danza classica sviluppa un corpo forte, la consapevolezza spazio temporale, e migliora la propria coordinazione.

La tecnica classica è considerata la base di formazione per tutti i tipi di danza. Richiede perseveranza e duro lavoro. Una formazione corretta e il tempo è ciò che rende un ballerino, un grande ballerino.

Danza Moderna e Contemporanea

Nella danza moderna vengono valorizzati il gesto e il movimento, che portano il danzatore ad esprimere la proprio personalità in maniere più naturale e meno schematica. il corpo si muove spinto dalla volontà di trovare una nuova dimensione dinamica tra tempo e spazio.

La "Danza Contemporanea”  nasce nel 20° secolo come reazione alla tecnica rigida del balletto. Pionieri come Isadora Duncan e Martha Graham hanno cercato una facilità di movimento utilizzando le linee naturali del corpo e di energia, permettendo una gamma più ampia e una fluidità di movimento rispetto alle tecniche convenzionali di danza. Lo studio della tecnica della danza contemporanea porta ad una facilità del movimento e a spingersi oltre i limiti che pensiamo di avere in relazione al nostro corpo.

Hip - Hop

Nato in un mondo senza risorse materiali, la cultura Hip Hop è per sua natura "underground", vale a dire, generato al di fuori dei canali ufficiali e l'arte tradizionali. Ora a 40 anni ha subito molti cambiamenti. All'interno della danza Hip Hop, vari stili sono stati creati e sviluppati e arricchiti: Break Dance, Pop, Boogaloo, Hype, New Jack, Lock, New Style, House Dance ... Pionieri dell’ Hip Hop sono i Rock Steady Crew e Electric Boogaloo, gruppi americani. Essi sono stati ispirati da danze africane tramandate dagli schiavi e da basi inventate che sono stati sviluppate ed elaborate da molte generazioni di ballerini in tutto il mondo. Oggi queste basi e le loro varianti sono in costante evoluzione.

Danza Classica, Moderna e Contemporanea per adulti

Ideale per chi ha voglia di riscoprire la passione per la danza.

Please reload

 

Insegnanti

1_edited.webp

Roberto Altamura

Direzione Artistica | Danza Moderna e Contemporanea

Si diploma presso la SPID (scuola professionale italiana danza) di Milano, completa la sua formazione nella danza contemporanea presso Merce Cunningham Dance Company (New York), e con docenti e compagnie di rilievo del panorama della danza italiana e nord europea.

Danza per la compagnia LEGGERE STRUTTURE (Bologna) e nel corpo di ballo di “Dracula opera rock”, prodotto da David Zard.

Danzatore per Caroline Bo a Marsiglia  e in “Orfeo ed Euridice”, regia di Graham Vick, coreografie di Ron Howell. Compagnia di danza contemporanea del Teatro Marrucino di Chieti e il circuito teatrale abruzzese, dove lavora con Mario Piazza, Francesca La Cava, Massimo Cerruti, nelle produzioni Carmina Burana, Les Noces, Coppelia, K2007. Compagnia CORPI MOBILI – Milano, "Le donne, la guerra e l'amore" con le coreografie di Sabrina Camera. Con la stessa compagnia prende parte all'apertura del concerto di Ludovico Einaudi e partecipa al Festival Oriente Occidente, dove riceve il premio della critica da Elisa Guzzo Vaccarino come miglior danzatore dell'edizione 2009 del premio Danz'è.

Con la sua coreografia “CUori IMperFEtti” al concorso/rassegna “AAA cercasi coreografi 2009” indetto da WDA Europe in cooperazione ITI/UNESCO si classifica tra i primi cinque finalisti europei, nello stesso anno presenta lo spettacolo completo presso il Teatro Studio Foce di Lugano.


Dal settembre 2011 dirige il Milano City Ballet, centro di formazione per la danza classica e contemporanea a Milano, nello stesso anno insieme a Virginia Spallarossa é vicepresidente dell'associazione culturale PANDANZ, e insieme organizzano il festival di danza contemporanea "PILLOLE - somministrazioni di danza d'autore".

 

Collabora con diverse realtà universitarie di Singapore, per le quali produce performance e si occupa della formazione nella danza contemporanea. E' ospite con le sue lezioni nella scuola di ballo del Teatro dell' Opera di Vienna nell'ambito del Festival internazionale Ballet Days per le edizioni 2013 e 2014. Nel 2017/18 è docente ospite presso la Dongduck Women’s University e Kookmin University di Seoul in Korea, e per il progetto Classes in Glass di Fredy Franzutti in collaborazione con Teatro Pubblico Pugliese e Fiera del Levante, per Brussels International Ballet School in Belgio.

E' coreografo per eventi come il Salone Internazionale del Mobile di Milano e la Settimana della Moda di Milano, e collabora per marchi come DOLCE&GABBANA, TWINSET, PUMA, HERNO, HUAWEI e collabora con testate giornalistiche come VANITY FAIR e REPUBBLICA.

Nel 2015 è fondatore e direttore artistico di Milano Contemporary Ballet, progetto che unisce la formazione e lavoro per giovani danzatori, in collaborazione con Studio Wayne McGregor, Londra, rimettendo in scena lavori del noto coreografo londinese come “Entity”, “FAR” e “Polar Sequences”. Tra il 2015 e il 2018 si dedica alla produzione di lavori apprezzati in tutta Italia, come “CONNECTIONS”, “Cenerentola”, “CHRONOS” e “TREdiTRE”, quest’ultimo rappresentato a Giugno a New York all’interno di IDACO NY, Festival di Arte Contemporanea.

Nel 2018 collabora con il regista londinese Joe Connor per la realizzazione del nuovo video della pop star inglese Sam Smith, ed è coreografo per il nuovo programma di RAI3 “Cyrano, l’amore fa miracoli”, condotto da Massimo Gramellini e Ambra Angiolini. È coreografo per “Chissà dove sarai”, nuovo video musicale del cantautore italiano Motta, prodotto dalla casa discografica Sugar e Courage Studio, con la regia di Marco+Maria Milano.

Nel 2019 la sua creazione HUMAN BEING, e TWICE creato con Vittoria Brancadoro, vengono selezionati per il festival IDACO a New York, e per #140danzadautore a Milano, e la piattaforma di danza contemporanea WHAT WE ARE di Udine.

09c896_efa45208ac0a428c81e91e804332692e.jpg

Chiara Borghi

Danza Classica

Chiara Borghi, si è formata alla Scuola di Ballo del Teatro alla Scala e dopo aver conseguito il diploma nel 1990, entra a far parte del prestigioso complesso milanese.   

Ballerina classica per formazione include nel suo repertorio tutti i titoli presenti nel calendario scaligero quali Il Lago dei Cigni, Lo Schiaccianoci, Cinderella, Don Chisciotte, e La Bella Addormentata di R.Nureyev, Giselle nelle versioni di P.Bart, P.Ruanne e S.Guillem, Paquita di N.Makarova, Oneghin di J.Cranko, Romeo e Giulietta e  Histoire de Manon" di K.Mac Millan, La Vedova Allegra  di R.Hynd, La Sylphide"di P.Shauffus e Notre Dame"di R.Petit.

Numerosi sono anche i titoli del repertorio contemporaneo quali Notte nei Giardini di Spagna di Louis Falco,  Il Rosso e il Nero di U.Scholz, Foreaction e Le Streghe di Venezia di Mauro Bigonzetti  e Reliquie d'Amanti di F.Monteverde.

Fa parte per un'intera stagione del "Progetto Contemporaneo" che riunisce i coreografi dell’ultima generazione quali Virgilio Sieni con Feroce Silenzio, Enzo Cosimi con Seminario sulla Gioventù e Massimo Moricone con I Canti del Capricorno. Scelta da Jean Gran Maitre per la Veglia degli Angeli debutta al Teatro Carcano e al Teatro Nazionale di Milano e a Cipro nel corso della tournée del Corpo di Ballo del Teatro alla Scala.

Con la Giselle di Matz Ek debutta alla Scala nel dicembre del 1997 dove si distingue per l'intensa interpretazione iniziando poi una lunga tournèe che la porterà al Teatro Municipal di Lussemburgo, a Varsavia e in numerosi teatri italiani quali il Fraschini di Pavia, il Lirico di Milano, il Teatro Grande di Brescia, il Teatro Nuovo di Udine, il Donizetti di Bergamo, oltre a Palazzo Tè di Mantova, a Lucca, Livorno, Castiglioncello, a Bassano del Grappa e a Piazzale Michelangelo a Firenze.

Nella tournèe negli U.S.A.debutta al Performing Arts Center di Los Angeles e al Lincoln Center di New York con Giselle di S.Guillem, Carmen di R.Petit e Amarcord di L.Cannito.

Con La Bella Addormentata di Nureyev, debutta al Bunka Kaikan di Tokyo, e con La Strada di M.Pistoni, al Teatro del Cairo. Per la stagione 1999/2000 aggiunge al suo repertorio il balletto Excelsior"di U. Dell'Ara.

Ondine di Sir F.Ashton, Ida Rubinstein di Hodson-Archer-Bouy, La Bayadere di N.Makarova, River di A.Ailey e i I Quattro Temperamenti di G.Balanchine. Nella stagione 2000-2001 nel corso delle tournée del Teatro alla Scala debutta nei principali teatri del mondo quali l'Operà di Parigi, con Excelsior di U.Dell'Ara, e al Covent Garden di Londra con Giselle di S.Guillem

09c896_b5637a4fec9d423583fac876b5357202.jpg

Federica Stanga

Danza e Gioco, Danza Classica

Supera gli esami della Royal Academy of Dance fino al livello Advance con il massimo dei voti.
Dal 2003 al 2006 segue il corso professionale presso il Centro Studi Coreografici Teatro Carcano e studia il metodo Vaganova e Cecchetti con gli insegnanti Margarita Smirnova, Elisabetta Raganati, Elena Cipollini e la danza contemporanea, metodo Graham, con Elena Albano.
Continua i suoi studi e partecipa annualmente a numerosi stage con maestri di fama internazionale.
Nel 2011 supera l’audizione e viene ammessa al corso per insegnanti di danza classica presso la prestigiosa “Accademia del Teatro alla Scala di Milano”, nella quale si diploma nel Giugno 2013 con il massimo dei voti.
Inoltre il Direttore Frederic Olivieri  le assegna una borsa di studio valida per sei mesi di stage/tirocinio  che le consente di assistere alle lezioni dell’Accademia, dalla propedeutica all’ottavo corso accademico con i maestri: Loreta Alexandrescu, Tatiana Nikonova, Leonid Nikonov,Paolo Podini, Elisa Scala, Vera Karpenko, Paola Vismara.
Nel settembre 2013 viene ammessa per il corso di specializzazione presso l’Accademia del teatro alla Scala durante il quale approfondisce con Amelia Colombini  lo studio del repertorio e della tecnica delle punte.
Il corso si conclude nel giugno 2014 con il superamento di un esame che la rende idonea all’insegnamento fino al  quinto corso accademico.
Dal 2011 insegna danza classica, propedeutica e tecnica accademica, in diverse scuole di Milano e provincia.

Schermata 2016-09-22 alle 12.12.26.png

Laura Pina

Danza e Gioco

Comincia a studiare danza all’età di nove anni, dopo una breve esperienza nella ginnastica artistica.

A 18 anni comincia a studiare al Milano City Ballet di Roberto Altamura.

Nel 2013 frequenta il Masa Dance Journey Program con la Kibbutz Contemporary Dance Company, dove ha l’occasione di studiare quotidianamente il repertorio e di danzare in alcune produzioni inedite dei danzatori della compagnia.

Continua a formarsi seguendo mastercass e company classes sia in Italia che all’estero(Inghilterra, Isreaele, Stati Uniti).

Collabora come danzatrice con il Milano Contemporary Ballet dal 2015 e nel 2016 lavora per Déja Donné danzando nella produzione 3I14 di Virginia Spallarossa.

Sempre nel 2016 comincia a collaborare con la Se Fem Dance Company di Anna Kolesarova e danza per lei in Musica Ex Machina su musiche di Lamberto Curtoni.

Nel maggio 2017, con TreDiTre di Roberto Altamura, vola a New York, ospite del festival IDACO-nyc. In questa occasione ha l’opportunità di esibirsi all’Italian Cultural Institute e al Baruch Performing Arts Center di Manhattan.

Nel 2018 danza per il Milano Contemporary Ballet in occasione di Estate Sforzesca, organizzata dal comune di Milano.

Da subito affianca al suo lavoro di danzatrice anche l’esperienza dell’insegnamento, insegnando in numerosi centri formativi del nord italia.

09c896_8d769e7c752b48109e479f63720ba181~mv2_d_2231_2983_s_2.jpeg

Carlo D'Andrea

Danza Moderna e Contemporanea

Nel 2011 termina la sua formazione in S.P.I.D. , Scuola Professionale Italiana Danza di Milano.

Danza nella produzione i Cinque sensi +1 - Il sesto senso presso il Teatro Noh’ma, Milano (regia di Charlie Owens, coreografie di Sabrina Camera); La Notte della Danza, Orio Canavese, TO (coreografie di Roberto Altamura); La Divina Commedia l’Opera presso Grimaldi Forum di Monaco e Teatro al Massimo di Palermo (regia di Chiara Valli coreografi di Caterina Calvino Prina), Omaggio a Nino Rota, Teatro Sociale di Mantova (coreografie Chiara Olivieri).

É coreografo per il Festival di Saint Vincent. 

Parallelamente al percorso come danzatore affianca quello dell'insegnamento, dal 2009 è assistente di Roberto Altamura prima presso il Principessa Dancing School di Milano e poi per Milano City Ballet, per poi proseguire creando il proprio stile di insegnamento.

WhatsApp Image 2021-09-10 at 10.47_edited.jpg

Francesco Corvino

Danza Moderna

Nato a Vicenza nel 1996 inizia il suo percorso artistico inizialmente frequentando corsi di ginnastica artistica e partecipando a numerose competizioni nazionali classificandosi anche tra i primi posti. Successivamente si innamora del mondo della danza, muove i suoi primi passi presso “Centro Formazione Armonia Danza” di Vicenza, con la direzione artistica di Alessandra Dall’Amico, dove frequenta tutte le discipline: classico, moderno, hip hop e musical.

Nel 2015 entra a far parte del collettivo “The Old Mob”, corpo di ballo dell'orchestra “Casanova Venice Ensemble”, danza per numerosi musical e spettacoli in diverse città italiane, con cantanti di fama internazionale. Nel 2016 scopre la danza contemporanea e inizia a sperimentare i diversi stili e qualità di movimento con Michele Oliva e Francesca Dario presso “OCDP”, tramite un corso di formazione a Verona.

Fondamentale ed essenziale è il suo trasferimento a Milano nel 2017: dopo essere entrato nella compagnia Milano Contemporary Ballet di Roberto Altamura in collaborazione con Studio Wayne McGregor, inizia a sperimentare il lavoro di compagnia affiancato alla formazione.
Con questa compagnia partecipa a numerosi spettacoli, con piccole tournée in Italia: Far e Polar sequences - excerpt coreografie di Wayne McGregor (Restyling a cura di Davide di Pretoro e Catarina Carvalho), Chronos e Connection (coreografie di R. Altamura e V. Brancadoro), Materiali Resilienti, (coreografia di Loretta D’Antuono), video musicale della canzone Pray di Sam Smith.

Nel 2019 vola in Cina insieme alla compagnia “No Gravity Dance Theatre” di Emiliano Pellisari e, come danzatore per lo spettacolo “Leonardo”, si esibisce in teatri importanti come Grand Theatre Wuxi, The Grand Theatre Conservatory of Music Shanghai, Grand Theatre Hefei.
Continua la sua formazione come ballerino presso il Balletto teatro di Torino, avendo l’onore di seguire la creazione della coreografia “Settima” di Nicoletta Cabassi, assieme ai danzatori della compagnia. Dal Gennaio del 2021 collabora con la compagnia “XL Dance Company” a Reggio Emilia di Laura Matano e Emanulea Baratin, con lo spettacolo “Oh Peter, hello. Goodbye”, debuttando in Fonderia Aterballetto a fine marzo dello stesso anno, e successivamente al festival “Corto in Danza” a Cagliari. Nel 2021 partecipa ad una commedia musicale a supporto della comunità LGBT, con la partecipazione di Sandra Milo, non solo in veste di ballerino, ma anche di attore.

Inizia ad affiancare il lavoro da danzatore con quello di insegnante dal 2015 di modern e contemporaneo, dopo aver conseguito il diploma IDA da insegnate di danza, riconosciuto da ASI e dal CONI.
Dopo diversi anni di allenamento nel pilates, dal febbraio del 2021 inizia un percorso di formazione con la scuola Polestar Pilates Il Metodo di Serafino Ambrosio e diventa tecnico sportivo di livello 2 specializzato nel pilates matwork.

09c896_42a8c9a4f16e4c1dad62e78e75fe72af_edited.jpg

Martina Di Lauro

Hip Hop

Diplomata al Liceo artistico statale di Brera, successivamente frequenta il corso di formazione “KYRON” al Centro di ricerca in psicomotricità integrata.

Nel 1994 inizia a studiare danza classica con Marisa Caprara e funky/jazz con Chiara Cricco.

Prosegue i suoi studi con Marietta Giamba (classico), Chiara Cricco (funky/jazz) e Serena Lenarduzzi (jazz).

Inizia ad approcciarsi all’ Hip hop nel 2007, frequentando il corso avanzato di Niko Demo. Segue stage di hip hop, house, reggaeton e breakdance con Sonia Bianchi, Roberto Saraceno, Paola Lizza, Pietro Froiio e altri.

Nel 2009 diventa assistente di Donatella Bianchini e segna l’inizio dell’attività di insegnamento della tecnica hip hop.